CURIOSITA’ E TRADIZIONI

Share

Anticamente la vita valdostana era regolata dai cicli stagionali cari al mondo contadino: la fienagione, la mietitura, la vendemmia, la risalita all’alpeggio, avvenimenti che nella vita del villaggio assumevano importanza straordinaria, ed erano accompagnati da feste e cerimonie religiose.

Con il passare del tempo molte tradizioni si sono perse, ma qualcuna ancora resiste, come la benedizione delle mandrie, i fuochi di San Giovanni la battaglia fra le mucche e la Fiera del Sant’Orso. Proprio quest’ultima e’ legata ad una antica leggenda valdostana che narrava che ogni anno all’inizio dell’inverno, Sant’Orso regalava ai poveri un paio di zoccoli di legno. Alla sua morte la tradizione venne ripresa dai montanari che diedero vita alla fiera proprio in ricordo del Santo. Ancora oggi i tradizionali zoccoli di legno sono il simbolo della Fiera che si tiene ad Aosta ogni anno alla fine di gennaio. Questi zoccoli ricordano i classici sabot olandesi e fino a pochi anni fa erano molto usati poiche’ avevano il vantaggio di essere caldi e asciutti. Ancora oggi in un piccolo laboratorio di Periassoc si confezionano a mano i tradizionali zoccoli di legno di salice o di abete ben stagionato.

Comments are closed.