GEOGRAFIA

Share

Confina a nord-ovest con il Lazio, a nord con il Molise, ad est con la Puglia e a sud-est con la basilicata, mentre tutto il versante occidentale e’ bagnato dal Mar Tirreno per 360 km, dalla foce del Garigliano al golfo di Policastro.

Le coste affacciate sul Tirreno alternano tratti alti e rocciosi a tratti bassi e sabbiosi. Dalla foce del Garigliano fino al Lago Miseno la costa e’ bassa e sabbiosa, mentre tra Capo Miseno e Punta Campanella, nella penisola Sorrentina, si apre lo splendido golfo di Napoli con le sue isole. I rocciosi promontori della penisola Sorrentina e del Cilento racchiudono il golfo di Salerno su cui si affaccia la Piana del Sele, mentre quello di Policastro, al confine con la Basilicata, a sud, presenta coste alte quasi inaccessibili.

Famose per la loro bellezza sone le isole di origine vulcanica Ischia e Procida e Capri, l’isola azzurra, di origine calcarea; meritano di essere ricordate le tre isolette chiamate Li Galli, di fronte Positano, dove la fantasia dei poeti ha immaginato tre sirene deluse per non essere riuscite ad ammaliare Ulisse.

Ci sono anche degli isolotti a breve distanza dalla costa che sono stati collegati alla terraferma: quello del Castel dell’Ovo e di Nisida a Napoli, e il Castello Aragonese all’isola di Ischia.

Il territorio e’ diviso in due zone, le coste sono formate da una zona pianeggiante fatta di pianure poco estese, mentre la parte interna e’ occupata maggiormente da pianure e colline.

Le pianure di origine vulcanica sono molto fertili e per questo densamente popolate. La Piana del Volturno, ad esempio, interrotta da rilievi di origine vulcanica, e’ un’area che ha permesso fin dall’antichita’ lo sviluppo di un’agricoltura redditizia e intensiva, meritandosi cosi l’appellativo di Campania Felix. A sud, tra i promontori della Penisola Sorrentina e del Cilento ci sono la Piana del Sele e il Vallo di Diano.

Tra le pianure situate lungo le coste e i rilievi dell’Appennino sorge una splendida area vulcanica, quella del Vesuvio e Campi Flegrei.

I massicci montuosi piu’ importanti sono il Matese, ai confini con il Molise, l’Appennino Sannita con il Taburno, i Monti Picentini, gli Irpini, i Monti Lattari, che dalla penisola Sorrentina si estendono fino a Capri e i monti del Cilento.

Comments are closed.